I leader mondiali si sono impegnati a eliminare le MGF entro il 2030.

Sono passati 20 anni da quando fu introdotta al Parlamento europeo la Risoluzione contro le MGF presentata dal deputato radicale Maurizio Turco e firmata da oltre trecento parlamentari appartenenti a tutti i gruppi politici e adottata a larghissima maggioranza. La risoluzione consentì di aprire una posta del bilancio comunitario e da allora l’UE è in prima fila nella lotta all’eradicazione delle MGF.

E intanto il Sudan si avvia alla messa al bando le mutilazioni genitali femminili (MGF), con una mossa significativa accolta favorevolmente dagli attivisti: chiunque abbia scoperto di aver praticato le MGF dovrà affrontare fino a tre anni di carcere.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la nuova legge il 22 aprile, ma deve ancora essere approvata dai membri del Consiglio Sovrano, che è stato creato in seguito alla cacciata dell’ex dittatore Omar al-Bashir.

Il Sudan ha uno dei più alti tassi di MGF al mondo. Secondo le Nazioni Unite, l’87% delle donne sudanesi ha subito questa pratica. Le ragazze di solito hanno un’età compresa tra i 5 e i 14 anni. Tuttavia, poiché la pratica è radicata nella cultura sudanese, gli attivisti si aspettano che ci vorrà molto tempo per essere completamente sradicati. “C’è così tanto lavoro da fare. Questo è un inizio, un buon inizio “, ha affermato Fatma Naib, responsabile della comunicazione dell’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia, Unicef, in Sudan.

Alcuni stati nel paese hanno vietato la MGF alcuni anni fa, ma i tentativi di vietarla a livello nazionale non hanno avuto successo sotto Bashir.

L’ONU stima che 200 milioni di donne e ragazze abbiano subito la MGF in 31 paesi, 27 dei quali in Africa. Tuttavia, un rapporto pubblicato a marzo afferma che il numero potrebbe essere molto più elevato poiché la pratica è condotta in oltre 90 paesi, molti dei quali non raccolgono dati.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *